Si prendeva tutto troppo a cuore, e troppo dentro.

Rachele. Milano. "Aveva la forza di un uragano, ma era debole come una foglia in autunno."

"Penso che ci siano quelle persone lì, quelle che sono e saranno sempre un po’ malinconiche, quelle che abbassano lo sguardo quando si sentono osservate, quelle che preferiscono leggere i libri mentre aspettano il bus, quelle che parlano e arrosiscono, quelle che ti ascoltano per ore e poi sorridono e basta. Quelle persone lì, che se le guardi ti chiedi sempre a cosa stiano pensando perché sembrano su un altro pianeta, quelle che ti domandi cosa mai le renda così felici, quelle che ti chiedi se piangono di gioia oppure per qualche dolore che non capiresti mai. Quelle persone un po’ così, che sembrano fuori dal mondo e invece ci vivono in pieno centro, che sembrano lontane e invece sono vicinissime, quelle che sembrano tristi e invece stanno solo pensando. Penso che siano quelle persone lì, quelle che piangono se una canzone gli ricorda quella persona lì, quelle che arrosiscono se si sentono dire “sei bello”, quelli che gli leggi la mancanza negli occhi. Penso che siano quelle persone lì, quelle che non si sono dimenticate degli sguardi, quelle che si prendono ancora la mano, quelle che non si nascondono dietro le paure, quelle che hanno ancora il coraggio di dirsi innamorate e dimostrarlo. Penso che siano quelle persone lì, con gli occhi sempre bassi, e un po’ malinconici, e che siano sempre, in ogni modo, le più belle che si possano conoscere.
-ilragazzostella"

— (via ilragazzostella)

174

"Un giorno mi sono accorto che non mi importava più di nulla, e che tutto mi feriva a morte."

— Alessandro Baricco (via mophata)

472

"I want to be the person you’re scared to lose."

— (via n77x)

238026